ADOTTA UN MELO,
ADOTTA UNA MUCCA.
Due iniziative originali per una vacanza “total green”.

 
 
 

Una mucca tutta vostra. Sì tutta vostra. Che pascola nei verdi prati della Valsugana. Ma che fa arrivare direttamente a casa vostra, sulle vostre tavole tutte le sue bontà. Il latte, il burro, i teneri formaggi. Oppure potreste diventare i genitori adottivi di un meraviglioso melo della Val di Non, dargli un nome e in autunno mettere nella vostra saccoccia tutti i suoi succulenti frutti.

Succede in Trentino. Chi desidera sperimentare una vacanza “total green” può scegliere tra una di queste due iniziative.

La prima “Adotta un melo” è un’idea proposta con successo da qualche anno, risultato della collaborazione fra la locale Apt, il consorzio Melinda e la Strada della Mela e dei Sapori delle Valli di Non e di Sole. L’obiettivo è far conoscere ai turisti l’anima verde di questa zona e apprezzare la qualità delle sue piante e dei suoi frutti.

meleti

Con “Adotta un melo” è possibile trascorrere qualche giorno in un’azienda agricola e conoscere un modello virtuoso di agricoltura, integrato perfettamente con il territorio di riferimento.

mele2

Si prenota – fino al 2 giugno – un soggiorno presso uno degli agriturismi aderenti all’evento, e poi vi si ritorna in autunno e raccogliere i frutti da portare a casa. Oppure si “adotta” una pianta a distanza, le si dà un nome e si segue il suo sviluppo via mail, per poi conoscerla “dal vivo” nelle giornate dell’8 e del 9 ottobre in occasione di Pomaria, la grande festa della mela della Val di Non.

www.adottaunmelo.com

Se invece ficcate il naso tra i verdi pascoli della Valsugana qui potete adottare una mucca. Nato 11 anni fa per valorizzare l’attività delle malghe del territorio Valsugana Lagorai in Trentino, il progetto “Adotta una mucca” permette di conoscere la vita di montagna e l’antica tradizione casearia di alta quota, nonché di assaporare i prodotti di malga direttamente sul posto dove vengono realizzati.

Come funziona?

Si va sul sito www.visitvalsugana.it/adottaunamucca dove è disponibile il catalogo 2016 dell’iniziativa: partecipano 15 malghe per un totale di 150 mucche. Qui si può scegliere quella con la foto più simpatica o con il nome più divertente. Per adottarla basta un click: una volta completata l’adozione si riceve la carta d’identità della mucca prescelta come attestato per riconoscerla sui pascoli quando le si andrà a fare visita.

mucche1

Per l’adozione è prevista una quota di 60 euro, di cui 10 euro vengono destinati a favore di progetti solidali.

E poi d’estate?Tutti in malga perchè si ha il diritto di ritirare prodotti caseari pari a 50 euro ad un’unica condizione, andare a trovare la mucca di persona durante l’alpeggio, indicativamente da metà giugno a metà settembre. Si potrà scegliere tra formaggi freschi e stagionati, gustosissime ricotte, burro, tosella e latte fresco.

mucche3mucche2

Contatti per l’adozione:  

Ilaria Sordo – Tel. 0461 727740

adottaunamucca@visitvalsugana.it

Per ulteriori informazioni:

www.visitvalsugana.it/adottaunamucca

 

 

Leave a reply

VBVB

La Valigia di Carta è una testata giornalistica on line non supportata da provvidenze economiche (sentenza della Corte di Cassazione, sezione III penale, 10 maggio 2012 (dep. 13 giugno 2012), n. 23230)