ZUCCHE, STREGHE E CASTELLI. Ottobre è alle porte e si tinge di arancio, di viola e di nero: viaggio tra le feste della zucca, pensando anche ad Halloween e a qualche idea per un week end fuoriporta.

 
 
 

Se ottobre fosse un colore sarebbe l’arancio. L’arancio della tozza, ghiotta e panciuta zucca. Cosa faremo se non ci fosse lei a rallegrare le tavole d’autunno quando tutto là fuori inizia  ricordarci che l’inverno è alle porte? E’ lei che viene in soccorso della malinconia per l’estate che se ne va e rimpiazza la lavanda fuori dalle case, nelle cassette appoggiate sotto i portici, sui banchi del mercato e dietro le vetrine dei negozi: ferma, fiera pesante, se ne sta lì, come a dire “non essere triste, ora sono qua io”.

IMG_20150916_124203_250

 

E la zucca c’è, protagonista incontrastata di tantissime feste e tradizioni, che iniziano i primi di ottobre e culminano alla fine del mese quando Halloween ruba tutta la sua bontà intagliandole quella smorfia stregata che la rende astuta e perfida, ma pur sempre bella e affascinante.

Così i sapori e le atmosfere legate alla zucca possono diventare un ottimo spunto per un week end fuori porta. Facciamo allora un giro tra le feste in giallo più famose.

 

MERCATINI, ASSAGGI, FESTE IN PIAZZA ACCESE DALLE CANDELE. E POI CORSI DI INTAGLIO E I CONCORSI CHE PREMIANO LA ZUCCA REGINA.

Partiamo dal Piemonte, con la Fiera della Zucca di Piozzo, Cn (2- 4 ottobre) un grande omaggio che si ripete da 22 anni: più di 450 varietà di zucche, tanti espositori di tipicità locali e regionali, laboratori per bambini, concorsi e degustazioni. E poi la prova del gusto con la possibilità di assaggiare tutte le specialità: il risotto, il minestrone, i bomboloni, muffin e cioccolatini, tutto rigorosamente a base di zucca di Piozzo. Una bella opportunità di fare un salto anche a Cuneo, poco distante.

Info www.prolocopiozzo.it

In Lombardia è Mantova la patria d’elezione. Anche quest’anno torna la grande festa Di zucca in zucca, che celebra l’ortaggio divenuto ormai simbolo dell’antica terra dei Gonzaga. Alimento base per i poveri, la zucca si nobilitò facendo l’ ingresso nella cucina di Corte. Da qui si diffuse a tal punto in questo territorio da divenire regina indiscussa di tante ricette mantovane: dagli antipasti ai dolci, fino ai celeberrimi tortelli.

IMG_20150918_153048_560

I celebri ravioli con la zucca di Mantova.

Di zucca in zucca come ogni anno si apre l’8 settembre e si chiude l’8 dicembre, seguendo non a caso due date importanti del calendario religioso contadino (rispettivamente la Natività della Beata Vergine Maria e l’Immacolata concezione).

Da ben 19 anni, durante i tre mesi della manifestazione, il programma della manifestazione coinvolge Mantova e le campagne circostanti con serate a tema, mostre, mercati ma soprattutto con tante esperienze ad alto coinvolgimento: i visitatori possono infatti mettersi alla prova con corsi di cucina, lezioni di intaglio e gare culinarie.Gli agriturismi del mantovano offrono la possibilità di trascorrere  speciali weekend dedicati al polposo ortaggio pernottando nelle camere della zucca.

www.agriturismomantova.it

IMG_20150918_153114_592

 

Passando per il Veneto dal 17 al 25 ottobre 2015 due weekend all’insegna della zucca sono proposti dalla Pro Loco di Sernaglia (Tv) con tante bontà elaborate con la zucca: gnocchi, lasagne, cappellacci di zucca, zucca fritta, pane e dolci.  Sempre in Veneto tappa imperdibile la festa della Zucca di Salzano, Ve, che ogni anno richiama migliaia di visitatori. Dal 16 ottobre al 1 Novembre una dieci giorni tutta a base di Zucca. Aggirandosi per gli stand eno-gastronomici di questo piccolo e caratteristico borgo dell’entroterra veneziano i visitatori potranno assaporare gustosissimi menù tipici che partono dalle combinazioni più tradizionali come i ravioli, gli gnocchi, il riso, per poi sperimentarne altri più sfiziosi come la pizza, le cicchetterie e i dolci alla zucca.

Immancabile l’appuntamento con la mostra mercato dei prodotti artigianali e agroalimentari con le bontà tipiche del territorio, acquistabili direttamente dai produttori. E poi l’attesissimo concorso che premia la zucca più piccola, quella più grande, la più lunga, la composizione di zucche più originale, la produzione più cospicua. E poi il premio più ambito: il Re della zucca, attribuito alla zucca più pesante.

Il tutto contornato da laboratori dell’intaglio per gli amanti dell’arte, buona musica, ottimo vino, cabaret, rappresentazioni teatrali, attività ludiche e culturali,.

 

Salendo in Friuli, torna dopo qualche anno di assenza nella splendida cittadina medievale di Venzone (Ud) la tradizionale Festa della Zucca (24-25 ottobre). In questo borgo di vecchie case in pietra affacciate sulle stradine di ciottoli l’atmosfera diventa davvero magica. Zucche intagliate, candele, streghette con le scope di paglia riempiono i davanzali, i balconi, le porte delle case e dei negozi.

IMG_20150918_153020_318

La festa medievale della zucca di Venzone.

Dentro e fuori i cortili è tutto un percorso di bancarelle arancio, nero e viola ricolme di prodotti tipici, manufatti artigianali e ispirati alla festa, ad Halloween o alla stagione.

Si cena nelle taverne con ricette rigorosamente a base di zucca tra sfilate di saltimbanchi, mangiafuoco e giocolieri.

www.comunedivenzone.it

 

 

Scendendo troviamo interessante la festa di Ostellato, in provincia di Ferrara: ogni domenica di novembre qui si tiene Zucca in festa, una manifestazione dedicata alla zucca di Mezzano. Le strade di Ostellato si animano di stand espositivi e mercatini di artigianato tipico, etnico e dei prodotti tipici, non solo regionali. Nei ristoranti i menù celebrano la zucca, colorando i piatti di gialli risotti, zuppe e della squisita zucca fritta.

www.comune.ostellato.fe.it

 

MA ZUCCA E’ ANCHE HALLOWEEN. FESTA DI MAGHI, STREGHE E CASTELLI.

Tutto ebbe inizio con Jack-o-lantern. Jack era un uomo malvagio e un malfattore, che ingannò Satana sfidandolo nella notte di Halloween a scalare un albero sulla cui corteccia aveva inciso una croce, intrappolando il Diavolo tra i rami. Jack allora fece un patto con lui:sSe non lo avesse più tentato, lo avrebbe fatto scendere dall’albero. Quando Jack morì, non gli fu permesso di entrare in Paradiso per la sua cattiva condotta, ma non gli fu permesso nemmeno di andare all’Inferno, per aver ingannato il Diavolo.
Allora Satana gli diede un piccolo tizzone d’inferno, per illuminargli la via tenebrosa. Per far durare più a lungo la fiamma, Jack scavò una zucca e vi pose dentro il piccolo tizzone, usando la zucca come una lanterna.

 

Digrignano i denti in tutta Italia le zucche accese di Halloween. Le feste organizzate nei borghi, ristoranti, castelli e locali non si contano. Un link interessante per individuare la serata più vicina a voi è senza dubbio:

http://www.regioni-italiane.com/notte-di-halloween.htm

Tanti eventi per la magica notte del 31, suddivisi per regione e province. Ve ne segnaliamo due, molto particolari

LA NOTTE DELLE STREGHE AL CASTELLO DI GROPPARELLO, PC

Affacciato su un orrido – termine quanto mai appropriato per l’occasione – e ormai avvezzo a storie da brivido, la cui eco è stata capace di attraversare i secoli, il Castello di Gropparello il 31 ottobre diventa il regno delle streghe. A partire dalle 18.00, il maniero sulle colline piacentine tiene fede alla sua fama di sapiente costruttore di trame e di fiabe. Il ponte levatoio si abbassa  e i pesanti portoni si spalancano con proposte avventurose ed enogastronomiche sul tema del mistero e dell’orrore.

IMG_20150918_153518_499

Il Castello di Gropparello.

Il Banchetto medievale di gusto gotico per adulti in costume, con animazione  nella Loggia dei Leoni –al prezzo di 50 euro a persona. ll Percorso horror nel bosco e nel castello – a 16 euro a persona. E poi la Cena a buffet nella Taverna Medievale – a 40 euro per gli adulti e 30 per i bambini.

 

Ma in queste terre la magia e il mistero iniziano ad aleggiare molto prima. Nelle domeniche del 18 e 25 ottobre, 1 , 8 e 15 novembre, è Mago Merlino che attende i più piccoli, con una giornata nelle leggende di un’altra epoca, per vivere l’avventura “Merlino, Signore dell’Immortalità” e candidarsi a diventare Artù per un giorno, il salvatore del Regno.

Le atmosfere celtiche della Val Vezzeno e dei boschi che circondano il castello rivivono attraverso la saga di questi mitici personaggi: la nascita di Merlino, che come raccontano le narrazioni di ogni epoca, portò l’equilibrio nel magico mondo dei popoli del nord, delineando confini nitidi tra il bene e il male.

Così in questa speciale giornata al Castello, con la grande battaglia dei due draghi sulla torre, saranno definite le sorti del regno: Merlino riconoscerà fra i bimbi chi è destinato a condurlo verso la pace, colui che sarà riconosciuto con il nome di Artù. Una vera e propria caccia ai sogni e alle glorie dell’avventura.
Il biglietto d’ingresso costa € 18,50 per gli adulti ed  €15,00  per i bambini e include la battaglia per la ricerca del Sacro Graal, il percorso di Merlino e la visita al Castello.

IMG_20150918_153440_742

 

www.castellodigropparello.it

 

L’AUTUNNONERO DI TRIORA, IMPERIA. DAL 26 OTTOBRE.

Triora, minuscolo borgo incastonato nella Val Argentina in provincia di Imperia regala tutto l’anno suggestioni  uniche, con le sue antichissime tradizioni che gli vantano l’appellativo del Borgo delle Streghe, con i suoi carrugi tortuosi rischiarati da qualche lampione, con le sue vecchie case che scendono fino a sotto la terra, dove oggi sono stati ricavati B&B degni delle favole più belle (http://www.lavaligiadicarta.it/nel-borgo-delle-streghe-1-parte-alla-scoperta-di-triora-dove-in-ogni-angolo-ancora-vive-il-fascino-di-antiche-leggende/)

Ma è nei cupi imbrunire di Ottobre che Triora incanta con le sue atmosfere più magiche.

Triora e le streghe.

Triora e le streghe.

Il 26 ottobre torna Autunnonero Ghost Tour Triora. Da ancestrali riti pagani a credenze in creature mostruose, da antichi culti stregoneschi a storie di fantasmi, Autunnonero Ghost Tour Triora è il primo e unico tour del folklore e delle leggende nel “Paese delle Streghe” – organizzato dall’Associazione Culturale Autunnonero e con il patrocinio del Comune di Triora – che con i suoi Storyteller, o cantastorie, accompagna i visitatori sulle tracce del folklore e delle leggende legate alla storia di Triora. Un’esperienza unica nel luogo che fu teatro del più famoso processo alle streghe della storia italiana e da molti considerato la Salem italiana, benché le sue vicende siano molto più antiche di quelle della città del New England.

 

Il 27 ottobre il Ghost Tour sarà dedicato a Halloween con una serata speciale arricchita da nuove tappe del percorso per le vie del centro storico, nuove ambientazioni e nuovi Storyteller, che si uniranno alla coppia ufficiale di guide narranti del Tour. “Il mondo dei morti“, “Feste, miti e creature del folklore” e “Il sabba delle streghe” saranno le aree in cui verrà diviso il centro storico e attraverso le quali si snoderà l’itinerario del Ghost Tour.

 

L’appuntamento è a Triora, con partenza principale alle 22,30, sotto i portici davanti al Museo della Stregoneria. A seconda del numero dei partecipanti, potranno essere creati dei gruppi suddivisi su più partenze con orari diversi.

 

www.autunnonero.com

 

E UN GIRO ALL’ESTERO? FRIBURGO, NELLA FORESTA NERA. UN AUTUNNO DORATO E DA BRIVIDO.

Friburgo in Bresgovia si trova al confine della Foresta Nera e a pochi chilometri dalla Svizzera e dalla Francia. Ogni anno questa deliziosa cittadina circondata da campi e vigneti diventa il teatro perfetto per lo spettacolo dei colori d’autunno. E ogni anno Friburgo lo celebra omaggiando con diverse feste i prodotti di questa sua terra piacevolmente soleggiata – le piante, i fiori, la frutta,  gli ortaggi, la celeberrima birra – mentre in tutta la città e nei dintorni aprono i battenti le caratteristiche Straussenwirtschaften.

IMG_20150918_153154_293

Friburgo, Foresta Nera.

Sono particolari taverne allestite tra i vigneti, nelle case contadine e nei fienili, che offrono vino locale e i piatti della tradizione, solo per il periodo autunnale. Il simbolo distintivo è una simpatica scopa appesa alla porta, segno che la taverna è aperta. Ogni locanda ha il suo fascino e  invita i visitatori a provare le specialità del luogo, come la torta di cipolle, i “Flammkuchen” (crepe allo speck e cipolle), il “Bibiliskäs” (formaggio fresco all’erba cipollina), le specialità a base di patate “Brägeli” o “Gschwelldi”.

LA FESTA DELLA ZUCCA A FRIBURGO, 11 OTTOBRE

Così Friburgo si tinge dagli alberi alle piante, dai cieli ai bicchieri, di tutte le sfumature di giallo, rosso e arancio. Ma la pennellata più intensa anche qui la dà lei, la sgargiante zucca.

IMG_20150918_152918_172

Domenica 11 ottobre la cittadina accoglie la grande festa d’autunno e delle zucche al parco avventura zoologico-naturalistico Mundenhof. In molti collaborano a trasformare le zucche appena raccolte e gli altri prodotti dei campi in creazioni belle e gustose affinché l’autunno e i suoi colori, profumi e sapori si trasformino in un’esperienza sensoriale gratificante. Anche i visitatori possono partecipare alle attività per ottenere il succo di mela utilizzando le vecchie presse, oppure costruire aquiloni, schiacciare le noci, intagliare le zucche, realizzare decorazioni per la tavola, dipingere quadri autunnali, arrostire le castagne, costruire auto solari, lavorare la pietra ollare, cavalcare… In alternativa ci si può  “accontentare” di crema di zucca fatta in casa, waffel appena sfornati e succo di zucca.

 

www.freiburg.de/mundenhof

 

ZUCCHE, ZOMBIE E RAGNATELE: L’ESPERIENZA UNICA DELL’EUROPA PARK.

Rotolano le tozze zucche, lungo i sentieri dei campi e i vicoli di Friburgo. E quando scende la notte arrivano ai cancelli dell’Europa Park, il parco per il tempo libero più grande della Germania. Arrivano in 180.000, di tutte le forme e dimensioni, e insieme a 15.000 crisantemi, 3.000 balle di paglia, 6.000 piante di mais, alberi rivestiti di ragnatele e un’illuminazione squisitamente spettrale, trasformano questo regno del divertimento in quello dell’oscurità e della magia di Halloween.

IMG_20150918_152937_382

 

Dal 26 settembre all’8 novembre qui ogni giornata è un brivido.

La zucca più grande del mondo invita tutti gli audaci a fare una velocissima corsa con il Pumpkin Coaster. Nel quartiere olandese le tazze da caffè del “Griezelkopjes” si muovono accompagnate da una colonna sonora inquietante, in una nebbia squarciata solo dai fulmini. Sull’ “Olandese volante” e il “Feria Swing” si vivono esperienze inconsuete mentre ci si muove all’indietro. Chi ha prenotato per la notte una camera addobbata in stile Halloween..deve prepararsi a grandi sorprese.

 

E poi ritorna l’appuntamento con le “Horror Nights”. Effetti mai visti e scenografie pensate fin nel minimo dettaglio scioccano i visitatori delle sei nuove case dell’orrore Tra zombi, clown assassini e vampiri, il turista può addirittura diventare comparsa di un film horror.

 

www.europapark.de

www.horror-nights.de

di Marta Camillo – Ph.Ufficio Stampa Friburgo – Consorzio Agriturismo Mantova – Comune di Venzone – Castello di Gropparello

 

Leave a reply

VBVB

La Valigia di Carta è una testata giornalistica on line non supportata da provvidenze economiche (sentenza della Corte di Cassazione, sezione III penale, 10 maggio 2012 (dep. 13 giugno 2012), n. 23230)